Le 10 migliori cose migliori da fare in Alençon

Le 10 migliori cose migliori da fare in Alençon

Nel sud del dipartimento di Orne in Normandia, Alençon è una città gentile sul fiume Sarthe che molte persone lo sapranno già per la sua creazione di pizzo. In effetti la città è spesso descritta come la "regina del pizzo", e il commercio qui ha vinto il riconoscimento dell'UNESCO come "patrimonio culturale immateriale". Puoi indagare su questa parte con il passato di Alençon al Museo delle belle arti e del pizzo, mentre la città ha alcune altre famose connessioni di cui potresti essere a conoscenza.

Sainte Thérèse è nata qui, ed era il più vicino possibile a una superstar cattolica alla fine del XIX secolo, mentre Marguerite de Navarra la sorella del re con affetto ricordava Henri IV aveva una casa nel centro di Alençon nel 1500.

Esploriamo le cose migliori da fare in Alençon:

Museo di belle arti e pizzo

Per un resoconto approfondito delle tecniche e della storia dell'industria del pizzo di Alençon non guardare oltre questo museo di prim'ordine in un college di gesuiti restaurato.

Ci sono molti esempi di pizzo da vedere da questa città, ma anche pezzi di altri capitali che creano il pizzo come Chantilly e Le Puy.

All'inizio puoi vedere un video che approfondisce lo sfondo dei tessuti in questa parte della Normandia, quindi passerai dopo un caso di abiti e decorazioni insolitamente intricati.

Inoltre, ecco un assortimento di dipinti dal Rinascimento al XIX secolo da alcuni artisti decantati come Eugène Boudin, Nicolas Maes e Pieter Boel.

Notre-Dame Basilica

Il luogo di culto principale di Alençon era elevato da una chiesa a una basilica nel 2009 e risale al 1356, quando fu deposta la prima pietra.

La maggior parte dell'edificio è in stile gotico sgargiante e la navata ha alcune meravigliose vetrate del 1530. Dopo un incendio il campanello e il coro dovevano essere ricostruiti nel 1700 ed è intrigante vedere come si fondono con il resto dell'edificio.

Per i cattolici c'è un ulteriore incentivo a entrare come questo luogo in cui Sainte Thérèse fu battezzato nel 1873. Verremo da lei dopo.

Maison Natale de Sainte Thérèse

Marie Françoise-Thérèse Martin era una suora di carmelita decalcata che morì all'età di soli 24 anni nel 1897 e fu canonizzata meno di 30 anni dopo.

È diventata il santo patrono di ogni genere di cose, dai giardini della città vaticana in Francia, Russia e persone che soffrono di HIV o AIDS. E fino ad oggi rimane una figura amata per molti membri della chiesa cattolica, e diversi miracoli le sono stati attribuiti durante la sua breve vita.

Non tutti capiranno il fascino selvaggio di Sainte Thérèse, ma puoi conoscere la sua vita nella sua città natale su Rue Saint-Blaise, che è mantenuto come un santuario.

Maison D'Ozé

Aprendo su Place de la Magdelaine accanto alla Basilica, la Maison D'Ozé è una palazzo gotico e rinascimentale torretta costruita per il consigliere della città nel 1450.

Sei libero di dare un'occhiata in giro perché questa è la casa dell'ufficio turistico di Alençon.

Nel XVI secolo il duca di Alençon Charles de Valois visse qui con Marguerite de Navarre, e ospitò suo fratello, il futuro re Henri IV per un periodo nel 1576. Vai nel cortile per vedere i graziosi giardini e le loro siepi formate e le linee di ciliegio ben pollardo.

Château des Ducs

Attraversare intorno al vecchio centro di Alençon potresti essere colto alla sprovvista dalla presenza di un gatehouse su Rue de la Chaussée.

Questo è quasi tutto ciò che rimane di un castello un tempo muscoloso che è stato fondato nel 1100 e aggiornato nei prossimi 300 anni.

Quella gatehouse è alta cinque piani, separata dalla strada da un fossato e ha due torri crenellate grosso su ciascun lato del suo portale.

Il resto del castello, barre un paio di torri, fu demolito nel XVI secolo e le sezioni rimaste sono diventate una prigione che non è stata disattivata fino al 2010. Oggi la proprietà è ancora di proprietà del Ministero della Giustizia francese, ma si parla presto al pubblico.

Parc des Promenades

Proprio dietro il Château des Ducs, il Parc des Promenades è un'ex patch del forêt d'écouves dove i duchi e i reali andavano a caccia.

Alla fine del XVIII secolo divenne un grande parco pubblico e il primo Elm Tree fu piantato in grande fanfara nel 1784. Anche per gli standard francesi il Parc des Promenades è uno spazio verde ben arredato e rilassante, con abbondanti giardini fioriti, prati lussureggianti per picnic, percorsi ombreggiati, uno stagno e un parco giochi per giovani energici.

Divertente anche per i più piccoli visitatori è il piccolo serraglio che ha capre, conigli e pavoni.

Scambio di mais

Un edificio sorprendente nel centro della città, lo scambio di mais (La Halle au Blé), ha un piano circolare ed è incoronato con un tetto di vetro.

Il corpo dell'edificio fu terminato nel 1819 e quella cupola di vetro non fu aggiunta fino al 1865. Quando fu completato, la cupola di metallo e vetro fu soprannominata la "crinolina di Alençon", essendo la crinolina la gabbia che teneva in mano l'interno delle gonne vittoriane! All'inizio era una borsa per il grano, ma ora è un luogo fuori dal regno per le mostre e un bel posto per la pista di pattinaggio di Alençon a Natale.

Maison à l'étal

Al no. 10 rue-porte-de-la-barre the maison à l'étal (stall house), è una casa caratteristica del XV secolo con alcune idiosincrasie pulite.

Il più ovvio di questi è la panchina del granito o lo stallo (da cui il nome) sotto il finestrino del piano terra.

Questa è una vestigia da quando l'edificio era un negozio, poiché la maggior parte dei clienti preferiva fare affari alla luce del giorno piuttosto che un interno scuro dove potrebbero essere derubati.

Dare anche a questa casa un po 'di personalità in più è il suo primo piano vestito interamente con ardesia blu-grigio, e il grazioso timpano di legno sotto la grondaia nel tetto.

Véloscénie

Dal 2012 Alençon è stato assorbito da una vasta rete di cicli di fondo, che collega il Notre-Dame a Parigi con Mont-Saint-Michel su un percorso di 434 chilometri.

Con il marchio Accueil Vélo sei garantito servizi di bici di alta qualità e alloggi per il ciclo.

Quindi in teoria potresti cavalcare fino alle colline di Perche e alla valle di Eure a Parigi.

Oppure potresti mettere gli occhi sul mare in Normandia e fare strada lungo la verdeggiante campagna "bocage" della regione di frutteti e siepi.

Ovunque tu vada il traffico non sarà un problema come dove Véloscénie usa le strade, sono sempre tranquille corsie rurali.

Forêt d'écouves

Se hai bisogno di una campagna spalancata, il Forêt d'éCouves, frequentato dal Reyalty per lo sport di Alençon, inizia un paio di chilometri a nord della città.

Questa foresta rientra nel parco regionale di Normandie-Maine e si increspa con picchi del massiccio amoricano di arenaria.

Più in profondità nei boschi di faggio, quercia e pino ti renderai conto del perché erano così popolari con i cacciatori mentre pullulano di un gioco come cervo e cinghiale.

Gli escursionisti ambiziosi possono mettersi alla prova contro alcune delle colline come Thesignal D'Ecouves e The Mont des Avaloirs, entrambi sopra i 400 metri.

Château de Carrouges

Una guida memorabile attraverso la brughiera e la foresta ti consegnerà al Château de Carrouges della fiaba, un monumento nazionale francese.

Una delle tante cose da amare di questo castello è il modo in cui fonde l'architettura della fortezza dall'aspetto duro con elementi più raffinati.

I bambini saranno sicuramente pazzi per il Château de Carrouges in quanto ha così tante caratteristiche classiche del castello come un fossato, un gatehouse dall'aspetto duro e torri con machicolazioni, permettendo ai difensori di far cadere olio e pietre in fiamme sugli aggressori.

Ci sono tour durante il giorno e gli altoparlanti non francesi verranno consegnati una guida stampata.

Saint-Céni-Le-Gérei

Dieci minuti da Alençon nel parco regionale di Normandie-Maine si trova questo adorabile villaggio divani in una valle collinare sul fiume Sarthe.

Saint-Céni-Le-Gérei è lodato come uno dei "villaggi più belli" della Francia. Tutti i vecchi cottage, scuderie e fienili in questo insediamento sono costruiti con la stessa pietra rustica e molti sono ammantati di glicine o edera.

Il piccolo ponte sopra il Sarthe è il posto migliore per iniziare la tua visita, e da lì puoi asciugarsi al nucleo storico dove c'è una chiesa dell'XI secolo.

Fai un salto per vedere gli affreschi del XII e XII secolo, che sono insolitamente vibranti perché erano coperti di intonaco nel 1600 per essere riscopriti nel XIX secolo.

Les Jardins de la Mansonière

Trent'anni in preparazione, questo magico piccolo giardino circonda uno dei cottage in pietra di Saint-Céni-Le-Gérei ed è tutta la motivazione di cui hai bisogno per trascorrere un po 'più di tempo nel villaggio.

La cosa divertente di questo spazio è il modo in cui ogni angolo ha uno scopo e un personaggio diverso.

In pochi passi passerai da un giardino gotico a un "tappeto verde", roseto e profumo profumo.

E puoi completare un paio di ore tranquilli con una bevanda calda nella sala da tè del giardino.

Chapelle du Petit Saint-Céneri

Merita anche una menzione separata è questa scena di postcard sul bordo del villaggio.

La cappella gotica del XV secolo è sola in una radura, ma quello che sembra uno spazio vuoto è in realtà l'ex cuore dell'insediamento.

L'ambientazione è una buona ragione per fare la passeggiata, per vedere questo edificio triangolare trigulare contro i boschi e la vegetazione.

All'interno c'è un santuario a Saint-Céneri, che è il soggetto di ogni sorta di superstizioni divertenti.

Le donne che sperano di sposarsi dovrebbero portare un ago per appuntare le vesti della statua.

Nel frattempo, se vuoi rimanere incinta (e non sei facilmente imbarazzato) dovresti trovare una grande pietra di bandiera sul pavimento della cappella in cui il santo avrebbe dormito e sdraiati su di esso.

Cibo e bevande

La mela è re nel dipartimento di ORNE ed è l'ingrediente principale per ogni sorta di bevande irresistibili.

La maggior parte di questi sono alcolici e quello che tutti sanno è il sidro, che è stato creato qui da più di 2000 anni.

Il sidro Norman ha un flizz leggero e va dalla varietà dolce a basso alcol a un tipo asciutto inebriante a 4.5% o più.

Quindi hai Calvados, che è un brandy di mele, e questa bevanda va anche su Pommeau, che è Calvados mescolato con il succo di mela pressato.

Ma non sono tutte le mele di One, perché un'altra prelibatezza regionale che conosciamo e amiamo è il formaggio Camembert, che può essere prodotto solo in Normandia.