Le 10 migliori cose migliori da fare a Hyères

Le 10 migliori cose migliori da fare a Hyères

Una città provenzale che arrampica sulla rigida pendenza del Colline du Castéou, Hyères è quasi tutto ciò che vuoi essere.

Per un divertimento estivo come gli sport acquatici e oziali sul mare, ci sono spiagge sabbiose paradisiache e condizioni senza partite per la navigazione e le immersioni.

Per la cultura c'è una bella città vecchia che finisce su per la collina, mentre Hyères è stata anche la musa di molti artisti.

Picasso, Giacometti e Jean Cocteau hanno trascorso tutto il tempo a Villa Noaille su un posatoio sopra la città.

E non abbiamo nemmeno menzionato la penisola di Giens e le sensazionali îles d'Hyères, le meraviglie naturali che semplicemente non devono essere mancate.

Esploriamo le cose migliori da fare a Hyères:

Città vecchia

Nella loro fretta di raggiungere le spiagge e le isole, molte persone trascurano lo storico centro della città, il che è un errore perché è un sogno da vaccino.

Questo è Provenza dei libri per il film, con bougainvillea, persiane in legno, mercati di strada e terrazze dei ristoranti.

L'atmosfera da villaggio e la mancanza di auto hanno molto a che fare con la pendenza del terreno, che dà origine a strade oscure e curve che abbracciano i contorni della collina.

Questi sono attraversati dal portalet Rue che alimenta la collina e ti porta a mettere Massillon.

Qui le terrazze del ristorante sono circondate dalle pareti ocra dei vecchi condomini e una cappella fortificata costruita dai cavalieri Templar.

Îles D'Hyères

Scendi al terminal dei traghetti a Giens e puoi intraprendere un viaggio per saltare dell'isola allo splendido arcipelago a sud e ad est di questa penisola.

Queste isole hanno avuto una strana rabbia di abitanti, dalla nobiltà e dai monaci a soldati e pirati.

Il più grande è Porquerolles a sette per tre chilometri e una gioia da arrampicarsi a piedi.

Ci sono profonde pinete, colline, scogliere nel sud e spiagge allettanti a nord.

Più a est è il porto robusto e pacifico, che è stato donato allo stato negli anni '60 ed è un parco nazionale e un santuario di uccelli vitali.

Ultimo di tutto è Le Levant, che è l'isola più remota ed è condivisa dai naturisti e dai militari francesi.

Château D'Hyères

I quartieri più antichi di Hyères sono sulle piste del Colline du Castéou, che sorge bruscamente e si cresta a quasi 200 metri.

In cima ci sono le rovine spettrali del castello medievale della città, che risale a circa 1000.

I Lords of Fos and Counts of Provence ondeggiavano da questa fortezza, e nel XVI secolo fu visitato dalla royalty francese: Francis rimase nel 1530 e Charles IX seguì nel 1564. Il castello è stato in rovina dalle guerre di religione francese, dopo un assedio di Henri IV che è durato cinque lunghi mesi.

Inutile dire che i paesaggi da qui ti toglieranno il respiro e ci sono piattaforme speciali da dove puoi guardare le colline boschite di Maurettes a nord.

Plage de l'Almanarre

Facilmente una delle migliori spiagge in Francia, Plage de l'Almanarre occupa cinque chilometri sul lato ovest della penisola di Giens.

La spiaggia ha sabbie morbide e pallide da acque poco profonde ed è paradisiaca in estate.

Nei giorni in cui il maestrale soffia in prima inverno e primavera, il bagno è fuori dall'ordine del giorno.

Invece il mare ha un drammatico whitecaps ed è macchiato con le vele di yacht e windsurfers.

Le cose tendono ad essere molto più calme da giugno a settembre, però, quando sarai protetto dal vento di Levante e potrai per trovare un punto deserto tutto il tuo.

Villa Noailles

Un lavoro di pilassi di architettura modernista, Villa Noaille fu elaborata negli anni '20 da Robert Mallet-Stevens per i ricchi mecenati d'arte Charles e Mary-Laure de Noailles.

La coppia ha commissionato i dipinti e ha finanziato tutti i tipi di progetti, così tante stelle del mondo dell'arte del 20 ° secolo, come Jean Cocteau, Pablo Picasso e Man Ray, hanno attraversato queste porte.

Con i suoi duri angoli di destra e muri di cemento, ha causato un po 'di confusione quando è stato costruito.

Il palazzo ha un ambiente fantastico, vicino al punto più alto della città, e con panorami di vasta portata.

Guarda il giardino cubista composto da Gabriel Guevrekian e cattura una mostra o uno dei numerosi eventi di design annuale come il Festival della moda e della fotografia a luglio.

Antica olbia

Nel IV secolo a.C. Colonisti greci di Phocaea fondarono questo antico insediamento proprio vicino alla cima della Plage de l'Almanarre.

Olbia sarebbe stato un avamposto commerciale e difensivo per la più grande colonia nell'attuale Marsiglia.

Puoi venire a studiare il sito archeologico da solo o presentarti per una visita guidata e conoscere tutte le diverse civiltà che hanno messo radici su questa macchia di terra.

Gli archeologi qui hanno fatto scoperte elettrizzanti su come i Phoceans hanno organizzato le loro città e avrai uno sguardo alle fortificazioni, alle dimore, ai pozzi, ai santuari religiosi e persino alle infrastrutture delle acque reflue.

Giens

La penisola di Giens è il punto più meridionale di Provece, fino a sud ha la stessa latitudine del nord della Corsica.

In fondo, Giens aveva colline vestite di pino ed è legato alla terraferma da lunghi e paralleli sputa sabbiosi su ciascun lato di una grande distesa di stagni e paludi salate.

Queste zone umide sono un santuario vitale e un punto di riposo per una serie di specie migratorie.

Sul lato ovest la spiaggia è sublime e ci arriveremo un po 'più tardi.

Per le escursioni c'è un percorso che circonda la costa che tessi oltre spiagge deserte, affioramenti rocciosi e calette e con viste indimenticabili sulle piccole isole sparse al largo.

Dal lato ovest puoi vedere i traghetti e le navi militari come punti bianchi nell'enorme roadstead di Tolone.

Parc Parc Saint-Bernard

In una città che ha costruito la sua fortuna nelle piantagioni di palme sarebbe un peccato non chiamare in un paio di giardini sublimi di Hyères.

Sulle piste sotto Villa Noaille, Parc Saint-Bernard è stato anche opera di Robert Mallet-Stevens e ha le scale forti che ti sollevano verso le terrazze in pietra.

Questi sono piantati con profumate varietà mediterranee come lavanda, mirto e rosmarino, nonché una miriade di specie esotiche tra cui Acacia, Begonia e la tromba di Angel.

Sii qui in primavera quando molti dei giardini sono in fiore e indugiano alla vista dei tetti in terracotta di Hyères e del Mediterraneo di Azure.

Tour des Templiers

Sul posto Massillon è una torre dall'aspetto militare che appartiene a un comandry Templari Knights.

Quindi ai suoi tempi ci sarebbe stato un fienile, una cantina, un mulino e una fornace qui, così come questa torre, che è l'unica caratteristica sopravvissuta e risale al 1100.

All'interno ci sono due cappelle su piani diversi sotto un tetto a terrazze.

Dopo che l'ordine Templare Knights fu soppresso, la torre fu infine acquistata dalla città.

In questi giorni è una piccola sede per mostre d'arte temporanea e puoi arrampicarti nelle scale e strette scale per una vista eccezionale sulla città vecchia di Hyères e sulla costa.

Parc Olbius-Riquier

La terra per questo ampio parco fu lasciata in eredità in città nel 1868, e pochi anni dopo fu scelto per aiutare a studiare e coltivare specie tropicali in grado di crescere sul suolo francese.

Quindi il parco divenne un ramo della Jardin D'Acclimation a Parigi e l'eredità di questo periodo è ovunque tu guardi: ci sono 2.000 specie di alberi e cactus da tutto il mondo, e persino un botanico esperto avrà difficoltà a nominare tutto le specie peculiari qui.

Il parco andrà anche bene con i bambini per il suo zoo con cervi, capre, scimmie e pappagalli.

Plage de la Bergerie

La costa orientale della penisola di Giens è la parte più abitata, con piccole comunità di vacanze e campeggi.

E dato che c'è un po 'più di vita da questa parte, le strutture sono un fumo migliore che a Plage de l'Almanarre.

Quindi, per le persone in vacanza con i giovani o in vena di un po 'di divertimento a base di acqua, Plage de la Bergerie potrebbe essere la strada da percorrere.

Come L'Almanarre è lungo, arricciandosi per quattro chilometri, ma a differenza del suo vicino è riparato dal maestrale, che può essere un fastidio sul lato est.

E mentre ti siedi, avrai le îles d'Hyères per incontrare il tuo sguardo.

Sport acquatici

Qualunque cosa galleggi la tua barca, che si tratti di jet-skiing, wakeboarding, windsurf, canoa, kitesurf o navigazione, lo troverai a Hyères.

Se hai esperienza, la primavera e l'autunno sono un tempo eccitante se occasionalmente a capo da essere fuori sulle onde come è quando il vento maestrale a nord -ovest è in vigore.

Se non ti piacciono quelle probabilità, puoi guardare l'azione dalla terra asciutta, poiché Hyères è stato sul circuito della Coppa del Mondo ISAF ogni anno da quando questo è stato fondato nel 2008. La gara di solito si svolge verso l'ultimo fine settimana di aprile ed è solo uno dei sette importanti eventi di vela e regate tenute in queste acque.

Immersione

I centri di immersione sono dieci a-penny a Hyères e la concorrenza è così feroce che è difficile sapere quale azienda scegliere.

Ce ne sono così tanti perché Hyères è lassù con le migliori sedi subacquee in Europa grazie alla folle varietà di cose da vedere sotto le onde.

La penisola di Giens ha grotte sottomarine, mentre le acque intorno a Port-Cros si trovano all'interno di un parco naturale e abbondano con la fauna selvatica.

Aggiungi al mix enormi drop-off subacquei, relitti e esci con più di 40 siti diversi per il check-out.

I subacquei esperti avranno il prurito per l'avventura mentre i principianti non troveranno molti posti migliori al mondo per fare il grande passo.

Notre-Dame de Consolation

Un alto santuario era stato qui fino al 1944, ma la struttura precedente era stata distrutta in guerra.

Una moderna sostituzione fu costruita nel 1952, ed è notevole per la partecipazione dello scultore d'avanguardia Jean Lambert-Rucki, che era un membro dell'Unione des Artists Moderdes con Robert Mallet-Stevens.

Lambert-Rucki è stato affiancato dal maestro vetratore Gabriel Loire, che ha realizzato la bellissima finestra del sud che racconta la storia di Hyères.

Come puoi immaginare ci sono anche opinioni maestose qui e una scheda di informazione indica i punti di riferimento sullo skyline.

Côtes de Provence

Se c'è un drink che in mente quando pensi al vino Rosé Provence (a parte il pastis!), dovrebbe essere il vino rosé.

La buona notizia è che ci sono 17 domini da visitare intorno a Hyères.

Due di questi sono persino sull'isola di Porquerolles, quindi puoi scendere dal Domaine Perzinsky, ad esempio per guardarti intorno al vigneto e alla cantina e assaggiare le loro merci.

La maggior parte di queste proprietà sono operazioni boutique che sono state nella stessa famiglia da generazioni.