Le 10 migliori cose migliori da fare a Ponta Delgada

Le 10 migliori cose migliori da fare a Ponta Delgada

La capitale delle Azzorre si trova sulla costa meridionale di San Miguel, soprannominata "Green Island". C'è molto da alzarsi in città, nei monumenti a cartolina, nelle vecchie chiese carine, un forte del XVI secolo e un museo che documenta la storia naturale intrigante delle Azzorre.

Al porto puoi intraprendere un mini-spedizione per vedere le balene e i delfini che si radunano nelle acque dell'arcipelago.

E per giorni fuori, i paesaggi dell'isola di San Miguel sono notoriamente mozzafiato: ci sono antichi crateri vulcanici che ora sono riempiti da laghi con fiori selvatici e lussureggianti boschi sulle loro coste.

Esploriamo le cose migliori da fare in Ponta Delgada:

Lagoa das sete cidades

Probabilmente la più grande meraviglia delle Azzorre è solo 15 chilometri lungo la strada.

Il Lagoa Das Sete Cidades è un lago gemello in una caldera vulcanica, le cui pareti si alzano ripidamente intorno alla riva e sono ricche di conifere e felci.

C'è una divisione tra i due corpi idrici e puoi guidare sul 9-1 per foto meravigliose.

Scegli una giornata limpida e vai per il Miradouro do Rei, in alto sul lato sud della caldera.

La vista è onnicomprensiva qui, accanto al guscio del Monte Palace Hotel abbandonato.

CONVENTO DE NOSSA SENHORA DA ESPERANça

Spiritualmente, questo convento del 1545 è uno dei più importanti, non solo nelle Azzorre ma anche in tutto il Portogallo.

Per questo puoi ringraziare la statua di Santo Cristo dos Miligres, che è stata donata ai fondatori del Convento da Papa Paolo III nei primi decenni del XVI secolo.

Ad aprile o maggio questa statua è la star delle celebrazioni di Santo Cristo.

L'edificio è anche qualcosa da vedere, con una strana torre quadrangolare che ha tre livelli di finestre.

Nella chiesa c'è un altare barocco con legno dorato e bellissimi pannelli di piastrelle.

Portas da Cidade

Vicino all'acqua nella parrocchia di San Sebasti, questa porta a tre arcate è l'immagine della cartolina di Ponta Delgada e appare sullo stemma della città.

Fa parte delle vecchie difese e date al 1783. Il cancello si trovava sulla banchina, ma fu spostato in Gonçalo Velho Cabral Square per stare in piedi come monumento quando il Waterfront Avenue fu costruito negli anni '40 e '50.

Il cancello è realizzato in pietra vulcanica regionale e ha la muratura imbiancata.

La piazza di fronte è posata con Calçada Portuguesa (pavimentazione del mosaico portoghese) in uno schema ornamentale.

Gruta do Carvão

A malapena fuori città c'è un'altra delle meraviglie vulcaniche di San Miguel.

Questo è il più grande tunnel di lava dell'isola, arando sottoterra per più di 1.6 chilometri.

Se sei interessato alla geologia dell'isola, questo non deve essere perso, poiché all'interno della grotta ci sono bizzarre concrezioni, come stalattiti e stalagmiti di colore marrone rossastro.

Il basalto sulle pareti è anche ossidato in alcuni punti, dandogli una strana lucentezza giallaosa.

C'è un video prima del tour, dopo di che dovrai strisciare attraverso alcuni spazi stretti, quindi vestire come faresti per un'escursione.

Igreja de são josé

Nella stessa piazza del Convento de Nossa Senhora da Esperança, questa chiesa considerevole una volta apparteneva al lungo convento disciolto di San Francesco.

È stato iniziato nel 1709 ha molti dei tratti distintivi dell'architettura portoghese coloniale, così come l'esuberanza barocca che all'epoca era di moda.

L'interno è immenso, con tre navi che arrivano a tre cappelle caricate con legno dorato.

Le piastrelle blu e bianche che ricoprono le pareti, le statue del 1600 e il 1700 e i mobili scolpiti in legno Jacaranda meritano tutti alcuni minuti del tuo tempo.

Museu Carlos Machado

Nel vecchio convento di Santo André e fondato nel 1876, questo è il museo più antico delle Azzorre.

Il fondatore, Carlos Machado era un naturalista del XIX secolo, che lavorava quando le Azzorre attirarono grande interesse in seguito alla teoria dell'evoluzione di Darwin.

Quindi ti verrà presentato un riassunto soddisfacente della storia naturale azorea, con display su geologia e mineralogia, nonché molti esemplari di piante e animali da sfogliare (molti taggati dallo stesso Machado). Essendo un ex convento, c'è anche un po 'di arte liturgica all'Adiacente Jesuit College, con dipinti, Silverwork e Azulejos.

Forte de são reggiseni

Inizia nel 1552, questa fortezza protegge l'estremità occidentale del porto di Ponta Delgada e continua ad essere utilizzata come base dalla marina portoghese.

Nonostante abbia attraversato importanti cambiamenti nel 1800 è ancora una reliquia assorbente dai giorni coloniali in cui Ponta Delgada era sotto la costante minaccia di raid dei pirati.

Puoi andare sulle piattaforme superiori che sono ancora equipaggiate con cannoni e artiglieria più moderna, mentre nelle viscere del forte c'è un piccolo museo militare con pistole, veicoli, uniformi e modelli pesanti.

Pico do carvão

Dieci chilometri da Ponta Delgada è un vertice benedetto con una vista completa del lato occidentale di San Miguel.

Lo scenario è sia pastorale che spettacolare, in quanto vi sono le colline verdeggianti sono macchiate di mucche e ricoperti di boschi conifere, ma diventerai anche consapevole del solo numero di coni vulcanici sull'isola.

Da questo punto puoi anche vedere entrambe le coste nord e meridionali, e i molti laghi della regione riparati in crateri.

Le cose diventano davvero drammatiche ad est dove lo Stulatolcano massiccio di Água de Pau sale a quasi 1.000 metri.

Lagoa Empadadas

Solo sottovento dal Pico Do Carvão è uno di quei maestosi crateri, e merita una deviazione sulla strada per Sete Cidades.

Se prendi una pausa con il tempo, questo è un luogo celeste per un picnic, ricevendo meno visitatori dei laghi più famosi di San Miguel.

È l'isolamento che ti conquisterà: fino a quando non entrerai nel cratere l'acqua è completamente oscurata dalla foresta di cedro.

Se sei qui nei mesi di primavera, la scena è particolarmente adorabile poiché le azalee rosa sulla riva saranno in fiore.

Pinhal da Paz

A pochi minuti da Ponta Delgada è uno squisito parco che è stato piantato all'inizio del XX secolo.

Questo era proprietà privata e il proprietario originale cresceva specie esotiche come il pino sugi giapponese, l'eucalipto e il bambù in mezzo a 49 ettari di terreno vulcanico robusto.

La piantagione fu abbandonata dagli anni '90 prima di essere restaurata e trasformata in un parco pubblico.

Intrappolamenti con i pini sono ortensie e azalee, e ora ci sono anche molte strutture, come i paddock con pollame di cavia e lacrime nel sottobosco, un labirinto di siepi e aree picnic.

Dolphin e Whale Watching

Questa è una di quelle attività energizzanti, una volta nella vita che devi semplicemente fare.

Come riserva di balena cruciale, c'è attività intorno alle Azzorre durante tutto l'anno e i delfini di bottlenosio, le balene degli spermatozoi, i delfini comuni e i delfini di Risso sono tutte specie residenti, quindi possono essere visti in qualsiasi stagione.

Ma il momento ideale per individuare le balene è aprile e maggio, quando le balene pilota, le balene Sei, le balene e persino le balene blu titaniche passano tutte.

Ogni volta che sei probabile, avrai una sorta di incontro con un cetaceo.

Lagoa do Fogo

Puoi arrivare a questo ambiente simile a una fantasia entro mezz'ora da Ponta Delgada, e insieme al lago Sete Cidades è una delle meraviglie naturali indispensabili di San Miguel.

Questo è un lago magisteriale che riempie una caldera creata da un'eruzione nel 1563, spiegando il nome "Lake of Fire". Il lago Cobalt, che misura uno per due chilometri, si trova in un crogiolo di montagne di basalto verde e il più alto sull'isola.

Se riesci a risparmiare il tempo, ha senso salvare questa escursione per un giorno in cui non c'è copertura nuvolosa, poiché ciò oscurerà la tua vista sul lago a questa alta elevazione.

Quinta Augusto Arruda

In quei giorni in cui Sete Cidades e il Lago Do Fogo sono avvolti nella nebbia, potresti andare alla ricerca di un altro marchio di San Miguel: vale a dire! Il terreno vulcanico dell'isola è l'ideale per questo frutto, ma l'unico inconveniente è il sole incoerente.

Ed è per questo che ci sono circa 6.000 serre, che coltivano l'ananas azoreo, che ha una piccola corona e una carne intensamente dolce.

Quinta Augusto Arruda è la più comoda da Ponta Delgada e sei libero di entrare in queste serre miti che allevano ananas dal fiore alla frutta in soli due anni.

Ti verrà consegnato un volantino che spiega la storia e il processo e potrai visitare il negozio, che ha marmellata e liquore all'ananas.

Santo Cristo

La quinta domenica dopo Pasqua la statua di Santo Cristo dos Miligres emerge dalla sua cappella nel convento per andare in processione intorno alle chiese a Ponta Delgada.

Questo rituale iniziò nel 1700 e si avvicinò quando la statua fu attribuita di fermare i tremori dopo essere stata passata intorno alle varie chiese e conventi di Ponta Delgada.

Per la celebrazione il Convento de Nossa Senhora da Esperança è illuminato con migliaia di piccoli bulbi e il percorso della processione lungo l'arteria principale della città è posata con un tappeto modellato di fiori.

Sport e attività

Il lussureggiante vegetazione di San Miguel è pronto per essere esplorato in quasi ogni modo che si possa immaginare, tutti soddisfatti da aziende con sede a Ponta Delgada.

Puoi cavalcare le calderas e i laghi a cavallo o in mountain bike.

Per i brividi ci sono 4x4, quadr bici o scappate di parapendio aereo filmate con una GoPro per darti un ricordo duraturo.

Puoi fare gite in kayak e canoa sulla superficie dei laghi, mentre la costa nord di San Miguel è tagliata con spiagge che ottengono onde coerenti per il surfing.