Le 10 migliori cose migliori da fare a Rambouillet

Le 10 migliori cose migliori da fare a Rambouillet

A sud -ovest di Parigi, Rambouillet sarà sempre sinonimo del suo ridicolo castello.

Fino al 2009 la tenuta era una casa per re, imperatori e presidenti francesi.

Il castello si annida in abbaglianti terreni con canali e giardini formali curati.

Ci sono anche un paio di follie nascoste da rintracciare, tra cui un caseificio fatto di proposito per Marie Antoinette.

La foresta sconfinata in cui i re una volta cacciati sono maturi per passeggiate e corse in bicicletta ed è un habitat per cervi rossi e cinghiali.

Non rimarrai mai bloccato per le cose da fare a Rambouillet, in quanto ci sono riserve di animali, siti con storia reale, piccoli musei eccentrici e ancora più castelli tutto in o vicino alla città.

Esploriamo le cose migliori da fare in Rambouillet:

Château de Rambouillet

Sebbene il palazzo principale venga rinnovato al momento della stesura, i terreni del castello di Rambouillet e delle sue follie sono tutti aperti.

Dovresti ancora smettere di scattare una foto dell'edificio, che è soffocata con centinaia di anni di storia reale e imperiale francese.

Ti verrà fuori che alcune delle persone più potenti della storia sono passate attraverso queste porte.

Re Francis I morì al Château nel 1547, Napoleone e l'imperatrice Marie-Louise vivevano lì, ed era anche una residenza estiva per ogni presidente francese fino al 2009.

Château de Rambouillet Grounds

I terreni sono opportunamente magnifici e rimangono aperti mentre il castello viene ripristinato.

Potresti perdere ogni traccia del tempo nella pace e nella bellezza coltivata di questi giardini, per la prima volta nel 1699. C'è un Parterre, Linden Tree Avenues con statue, un'intera rete di canali, un giardino di campagna inglese e un giardino in stile medievale.

La posizione migliore per assumere l'intera scena è sulle scale che portano allo stagno ornamentale di Rondeau.

Qui i canali sono incorniciati dal tapis vert (moquette verde), un prato lussureggiante che corre all'orizzonte.

Laiterie de la Reine

Marie Antoinette era un'altra delle figure fondamentali per stare a Rambouillet.

Non le piaceva molto il castello, quindi nel 1785 Louis XVI ordinò che la Laiterie de la Reine (Dairy della Regina) fosse costruita nel terreno.

Questa follia è stata una specie di rifugio rurale per lei, simile a Petit Trianon e Hameau de la Reine a Versailles.

Il caseificio è un tempio neoclassico illuminato dal soffitto da una luce zenitale e conduce a una galleria che culmina in una grotta con una statua di amaltea dallo scultore Pierre Julien.

Marie Antoinette avrebbe visitato per indulgere nei prodotti dal caseificio di Château sulla porcellana Fine Sèvres.

La Chaumière Aux Coquillage

Prima che Louis XVI acquistasse la tenuta nel 1783 era di proprietà di suo cugino il Duc de Penthièvre.

E alla fine del 1770 il duca aveva commissionato un idillio cottage per sua figlia, la principessa de lamalle, che è piegata nel giardino di campagna inglese.

Questo era un momento in cui la nobiltà era innamorata della pittoresca campagna e dell'innocenza rurale.

Ma mentre l'esterno è umile, con pareti rustiche e un tetto di paglia, l'interno è stravagante: le pareti sono abbellite da conchiglie e madre di perle, disposte in classici pilastri e noci di alcove.

Forêt de Rambouillet

Il motivo per cui il castello era qui in primo luogo era come una loggia per i re che cacciavano nella foresta reale che andò fino alla porta.

Si tratta di 30.000 ettari di boschi di querce profondi accessibili dai re tramite una rete di bridleways a forma di stella.

Ora è un posto dove fuggire dalla natura per alcune ore in bici o a piedi.

La tavola turistica di Rambouillet ti darà ispirazione per le passeggiate circolari che ti inviano a cascate e valli segrete.

Anche la foresta vanno in vaso, cervi rossi, cervi di uova e cinghiali, mentre una varietà di rapaci pattugliano i cieli sopra il baldacchino.

Espace Rambouillet

Per vedere la fauna selvatica della foresta da vicino, potresti chiamare in questa attrazione animale allestita dall'ufficio National Des Forêts nel mezzo dei boschi.

Hanno organizzato diversi percorsi che attraversano enormi recinti per cervi e cinghiali.

C'è anche un 1.Pista a piedi da 8 chilometri con pelli a intervalli per consentire di osservare il cervo e il uova in natura.

Nel frattempo il "Forêt des Aigles" è una voliera con 120 rapaci di 30 specie, e l'Odyssée Verte "è una passerella sospesa che ti solleva a cinque metri sul pavimento della foresta senza bisogno di un imbracatura.

Bergerie Nationale

Questa fattoria funzionante manterrà sicuramente tutta la famiglia deviata per un'ora o due.

I giovani saranno pazzi per conigli, capre, maiali, cavalli da tiro, anatre, mucche e più di 600 pecore.

Da settembre a febbraio ci sono anche agnelli, mentre i suinetti e i vitelli vengono allevati durante tutto l'anno.

Gli adulti saranno interessati alla storia dei pecora, fondati da Louis XVI nel 1786 per mantenere le pecore merino che aveva importato dalla Spagna.

Per tutto il giorno ci sono attività per introdurre i bambini alla routine in una fattoria, che si tratti di toelettatura o mungitura.

E ci sono anche eventi stagionali qui, come un concorso di pastori e un festival di taglio.

Rambolitrain

Se sei un hobbista in miniatura potresti chiederti se sei morto e sei andato in paradiso in questo museo.

È stato istituito nel 1984 da due fanatici della ferrovia modello in una bella dimora in stile Louis XIII con quoin e un tetto di Mansard.

In questi eleganti confini ci sono più di 4.000 treni modello del XIX e XX secolo.

E serpeggiare intorno ai due piani è una rete di treni in miniatura da 1:43 di lunghezza di 500 metri di lunghezza.

Nel giardino c'è un treno a vapore in miniatura di 184 mm alimentato da carbone e che corre durante il vapeur del festival Vive all'inizio di ottobre.

Étangs de Hollande

Storia, splendore naturale e attività ricreative all'aperto sono arrotolati in uno nei boschi a nord di Rambouillet.

Fino al 17 ° secolo questo era Marshland, ma questo si è formato per formare sei laghi dannati.

E il loro scopo era di irrigare canali, fontane e giardini idrici nel palazzo di Versailles a diversi chilometri a nord.

Il sito è stato scelto perché la sua elevazione significava che l'acqua poteva essere incanalata dall'acquedotto a Versailles usando solo la gravità.

Il tuo scopo di venire oggi è di deviare sulla spiaggia e fare un tuffo nel più grande dei laghi in estate.

C'è un intero centro qui che noleggia pedalos, canoe e biciclette e che offre un campo da caffè e mini-golf.

Réserve Zoologique de Sauvage

Vicino a Rambouillet c'è una proprietà che un tempo era dotata da Luigi XIV a sua figlia Louise de Maisonblanche.

Il Château de Sauvage si trova in un parco inglese di 40 ettari ed è stato ricostruito durante la regola di Napoleone III nel mezzo del 1800.

Nel 1973 la tenuta fu acquistata dalla Fonds International Pour La préservation de la Nature (IWPF) ed è ora una riserva per animali.

È principalmente un'attrazione ornitologica, poiché più di tre quarti della specie sono uccelli tra cui pellicani, pavoni e fenicotteri che vanno tutti dove per favore.

Gli uccelli esotici sono mantenuti in aviarie ma il resto degli animali, come emus, wallabies, antilopi e cervi di assi vagano in semi-libertà.

Palais du Roi de Roma

Mentre vai lungo Rue Du Général-de-Gaulle al centro di Rambouillet vedrai alcune porte dall'aspetto che si apriranno su una strada laterale di ciottoli.

Gli edifici quaggiù sono splendidi ma sono solo un accenno al colossale progetto previsto in questo sito all'inizio del XIX secolo.

Questa doveva essere una residenza per il figlio di Napoleone, il cui titolo ufficiale era il re di Roma.

Il palazzo e il suo trimestre amministrativo avrebbero chiuso l'intero colline de chaillot.

Ma la caduta dell'impero significava che il lavoro non è mai andato oltre un edificio che puoi entrare per mostre temporanee.

Gli squisiti giardini sono anche aperti ai visitatori ogni pomeriggio.

Église Saint-Lubin-Et-Saint-Jean-Baptiste

Questa chiesa neogotica può dirti un po 'di Rambouillet nel XIX secolo.

La città aveva una chiesa medievale consacrata nel 1100, ma a metà del 1800 era diventata troppo piccola.

Tra il 1831 e il 1901 la popolazione di Rambouillet raddoppiò e così nel 1860 fu tenuta una competizione per trovare un architetto per costruirne uno nuovo.

Questo è stato vinto da Anatole de Baudot, allievo dell'architetto e restauratore Viollet-Le-Duc.

Molti dei finanziamenti sono arrivati ​​direttamente dalla borsa di Napoleone III e l'edificio ha utilizzato materiali all'avanguardia come ghisa e cemento.

Ma c'è anche molta arte da vedere, specialmente nelle vetrate colorate dal master Glassmaker, Eugène Oudinot.

Château de Breteuil

Salire sopra la valle di Chevreuse, il Château de Breteuil è dal regno di Henri IV nel XVI seclloso.

Gli interni raffinati sono impreziositi da mobili laccati e arazzi Gobelins.

Il capolavoro qui è il tavolo d'Europa, un prezioso tavolo intarsiato con gioielli, realizzato dal Goldsmito tedesco Johann Christian Neuber.

Inoltre, qui ci sono 50 figure di cera di personalità come Marcel Proust e Louis XVI, così come personaggi da favola come Puss in Boots e The Sleeping Beauty.

I terreni sono un "Jardin Remarquable" ufficiale e hanno prati geometrici punteggiati di vasi di pietra e un mondo di magiche creazioni di boxwood.

Questi sono rapiti in un labirinto, ricami e un mosaico da sogno .

Ippodromo de Rambouillet

In una città con un'eredità reale e imperiale ne consegue che ci dovrebbe essere un escursione.

Questa sede per la traccia del trotto è stata aperta nel 1880 e puoi ottenere una dose di "sport dei re" durante una stagione che va da marzo a ottobre.

In questo momento ci sono nove incontri in questo incantevole sito ai margini della foresta.

Queste gare sono gestite la domenica alle 13:30, quindi è qualcosa da tenere a mente se sei a una fine sciolta a Rambouillet.

I mercati di Rambouillet

Se ti trovi a Rambouilet un mercoledì o sabato mattina, sei fortunato, poiché questo è quando si svolgono i mercati settimanali.

Sono un'istituzione che non vorrai perderti.

Quello di mercoledì mattina ha fino a 30 bancarelle in cui macellai, pescivendolo, mercanti di frutta e verdura vengono al commercio e dove puoi anche raccogliere cibi appena cotti come il pollo a girarrosto.

Ma l'evento principale è sabato su Rue de Gaulle e Place de la Libération.

Ci sono circa 100 commercianti che propagano tutti i soliti generi alimentari, ma anche pasticceria, pelle di pelle, fiori e allettanti cibo di strada.