Le 10 migliori cose migliori da fare a Saint-Ouen

Le 10 migliori cose migliori da fare a Saint-Ouen

Un sobborgo settentrionale ben collegato di Parigi, Saint-Ouen è famoso per il suo mercato delle pulci: il Marché Aux Puces è assolutamente gigante.

Saint-Ouen dal punto di vista dei trasporti è un sogno, seduto proprio sul rer C e la linea 13 del Paris Métro. Questo taglia i tempi di viaggio verso le vette come la Torre Eiffel e i musei come il Musée d'Orsay. E Saint-Ouen è solo l'altro lato della Périférique dal 18 ° Arrondissement. Quindi il sacré-cœur, Montmartre, la cultura edificante, le terrazze del caffè e la vita notturna pazza tutti attendono.

Esploriamo le cose migliori da fare a Saint-Ouen:

Marché Aux Puces

Se ti piacciono gli affari, pochi viaggi per lo shopping possono superare il marzo aux puuces a Saint-Ouen.

Ci sono più rivenditori di antichi e mobili qui (2.000 commercianti in tutto) che in qualsiasi altro mercato unico al mondo.

Le loro bancarelle sono distribuite su un sito di nove ettari, suddivisi in 15 mercati distinti, alcuni completamente coperti per sentirsi come mini centri commerciali chiusi e altri come le strade della città.

C'è un enorme miscuglio di cose in offerta al Marché Aux Puces: ceramica, libri, illuminazione o mobili, oggetti da un gioco di auto o knock-off.

Cimetière de Montmartre

Cinque minuti sulla linea Métro 13 di Garibaldi è il terzo cimitero della città.

Questo risale al XIX secolo ed era ambientato a quello che allora era il limite settentrionale della città.

Se visitare un cimitero sembra un modo inquietante per trascorrere una giornata, c'è un lato culturale in quanto puoi cercare le trame di scrittori come Émile Zola e pittori come Edgar Degas.

Ma il cimitero è anche una sorta di giardino di sculture, con mausolei e tombe realizzate dai grandi artisti del XIX secolo.

Basilique Saint Denis

A soli dieci minuti da Garibaldi sulla linea 13 è una chiesa che irradia la storia reale francese.

Quasi tutti i re francesi del 900 in poi furono sepolti qui, e sono onorati con squisite tombe realizzate tra il 1100 e il 1500.

Queste sono opere sensazionali di scultura gotica e rinascimentale e possono distrarti per ore.

L'architettura è anche fondamentale, come quando fu ristrutturata nel 1100 divenne probabilmente la prima chiesa gotica in Francia.

Essendo un sito reale, la rivoluzione non era gentile con la basilica, ma arrivò attraverso un restauro nel 1800 per mano del maestro architetto Viollet-Le Duc.

Stade de France

Una struttura epocale di un tempo diverso, lo Stade de France è un luogo di culto per gli appassionati di sport.

Le partite casalinghe per le squadre nazionali di calcio e rugby francesi sono ospitate in questo maestoso stadio, costruite per la Coppa del Mondo nel 1998. Fu in questa arena che la Francia sollevò il trofeo quell'anno e il torneo che riunì la nazione è commemorato al museo dello stadio.

Gli appassionati di architettura saranno altrettanto assorbiti nel lato tecnico del tour, quando scoprirai il tetto di sei ettari.

Questa struttura da 13.000 tonnellate ha un vetro speciale che filtra le radiazioni a infrarossi ma consente la luce blu e verde per aiutare l'erba a crescere.

Sacro Cuore

Il 18 ° Arrondissement si trova appena a sud di Saint-Ouen e ha alcuni dei luoghi più noti della città.

Nessuno è famoso come questa basilica neo-byzantina che brilla attraverso Parigi dal suo trono sulla Butte Montmartre.

Devi alzarti per quel panorama senza tempo della città, ma anche la basilica è indispensabile: non solo per l'architettura del XIX secolo, ma per il difficile periodo della storia della città che simboleggia.

Fu costruito proprio dove il Comune di Parigi fu schiacciato nel 1871 e fu costruito come un atto di penitenza in seguito alla sconfitta della Francia nella guerra franco-prussiana.

Montmartre

In questa ripida area i viali larghi e grandiosi di Haussmannian lasciano il posto a un labirinto di strade e scale di ciottoli più ristrette che si intrecciano sulla collina.

Non si può negare che Montmartre sia un posto più elegante ora che quando artisti del calibro di Monet, Van Gogh, Pissarro e Toulouse-Lautrec hanno fatto imporre le loro operazioni.

Ma c'è ancora un'atmosfera bohémien nel distretto grazie ai suoi condomini bassi, due mulini a vento, studi di artisti, compagnie di media e vita notturna.

Se non ti dispiace il percorso turistico The Place du Tertre ha bancarelle che vendono stampe d'arte, mentre il Moulin de la Galette è stato immortalato da Renoir, van Gogh e una miriade di altri artisti.

Musée de Montmartre

Il tema artistico continua al Musée de Montmartre, che è un paio di edifici storici che hanno accolto molti artisti famosi alla fine del XIX secolo.

Renoir stava qui quando dipinse il famoso La Bal du Moulin de la Galette e La Balançoire, mentre dopo i fauvisti come Raoul Dufy e Othon Friesz si alzarono al Maison du Bel Air.

Il museo cattura questo periodo con dipinti, poster e fotografie di Steinlen, Utrillo e Toulous-Lautrec.

I giardini sono stati riprogettati per abbinare i dipinti di Renoir, che guardano fuori da un vigneto che è stato qui fin dall'epoca medievale.

Espace Dalí

Un altro artista collegato a Montmartre è il surrealista spagnolo Salvador Dalí.

Appena fuori dal posto du Tertre c'è un piccolo museo che mostra 300 opere originali, che ci dà l'unica mostra Dalí permanente in Francia.

Molti di questi pezzi sono incisioni e sculture, tra cui diverse opere che rendono le immagini dai suoi dipinti più famosi come gli orologi nella persistenza della memoria in 3D. Con il suo stile giocoso, Dalí è un artista facile da presentare ai bambini e il museo ha alcuni display interattivi e mette in seminari per i visitatori più piccoli.

th arrondissement

Al contrario a Montmartre, il 17 ° arrondissement è grandioso come si ottiene, con palatili blocchi del XIX secolo su ampi viali.

Non ti scioccerà imparare che questa è una delle parti più ricche della città, e la presenza di alti guadagni è riflessa dal mercato gourmet di strada, il Marché des Batignolles.

Ciò che è anche attraente del 17 ° arrondissement è la mancanza di interesse turistico, quindi puoi sperimentare Parigi come parigino, cenare in ristoranti esclusivi, navigando boutique e rilassarti nello splendido Parc Monceau, che è stato skard nel 1700.

Grand Palais e Petit Palais

Parte dell'ensemble di monumenti creati per l'esposizione universale del 1900, il Grand e Petit Palais meritano una visita, sia per la loro architettura ornata di Beaux-Arts che per ciò che contengono.

Il Grand Palais è un intero complesso di attrazioni e spazi espositivi, tra cui il Palais de la Découverte Science Museum.

Chanel tiene i suoi spettacoli qui durante la settimana della moda di Parigi e ci sono mostre d'arte temporanea di alto profilo da catturare.

Il Petit Palais è un singolo museo d'arte, con molte mostre che risalgono all'esposizione universale; C'è dipinto di grandi francesi come Fragonard, Poussin, Ingres, Delacroix, Courbet, Monet e Sisley.

Musée Marmottan-monet

Cattura il rer C da Saint-Ouen a Avenue Herni Martin e sarai al Museo Monet Top del mondo in 20 minuti.

Grazie a una grande donazione da parte del figlio dell'artista ci sono più opere di Monet a questa attrazione di qualsiasi altra del pianeta.

È un'idea che entusiasmerà gli amanti dell'arte, che vedranno la sua impressione sul lavoro del 1874, l'alba, che ha effettivamente dato alla luce il movimento impressionista.

Molti dei pezzi di Monet sono stati creati nel suo giardino in Giverny e saranno famosi alle persone intime con il suo lavoro.

C'è più arte impressionista di Sisley, Degas, Pissarro e altro ancora, nonché una bella serie di manoscritti illuminati medievali.

Jardins du Trocadéro

Sulla stessa linea, i Jardins du Trocadéro e il Palais de Chaillot hanno una visione duratura attraverso la Senna verso la Torre Eiffel.

Se riesci a ignorare le orde turistiche, è una scena da riflettere nel tuo tempo mentre inattivo su un iconico che è noto in tutto il mondo.

Ma prima di continuare uno dei musei nel Palais de Chaillot potrebbe distoglierti.

Nell'ala occidentale ce n'è uno per la marina francese e l'etnologia, e nell'ala est c'è Cité de l'architettura et du Patrimoine: questa è un'ode indimenticabile per l'eredità francese e l'architettura con una collezione con una collezione per la prima volta a cura di The Revered Architect Eugène Viollet-Le-Duc.

Torre Eiffel

C'è poco da dire sulla torre Eiffel che non è stata molte volte prima.

Questo pilone in ferro battuto da 324 metri è un appuntamento sullo skyline e Parigi non sarebbe lo stesso senza di essa.

La Torre Eiffel non era opera di un singolo uomo, ma uno sforzo di gruppo della società di ingegneria Eiffel guidata da Gustave Eiffel ma usando i disegni elaborati da Émile Noucheier e Maurice Koechlin.

Era l'edificio più alto del mondo fino al 1930 e il più alto della Francia dal 1889 fino a quando non fu finalmente battuto nel 2004 dal Viadoct Millau.

Arriva presto per evitare una lunga attesa e vedere se riesci a sopportare la sezione del pavimento di vetro al primo piano.

Musée d'Orsay

In un colpo di ispirazione il Beaux-Arts Gare D'Orsay fu convertito in un museo d'arte nel 1986. E questo sontuoso ambiente del XIX secolo è appropriato per la migliore collezione di arte impressionista al mondo.

Puoi arrivarci da Saint-Ouen sul RER senza cambiare, e in meno di mezz'ora si meraviglierà di dipingere da Degas, Monet, Gauguin, Signac e troppi altri da elencare.

Se hai un'affinità per l'arte non ti aiuti ma sarai commosso dalla Galette Bal Du Moulin de la Galette di Renoir (specialmente dopo aver visitato Montmartre). Puoi anche vedere la notte stellata di Van Gogh sul Rhone e il ritratto del DR. Gachet o Paul Cézanne Iconic The Card Players.

Musée Rodin

Tutte le creazioni più preziose di Auguste Rodin sono esposte in queste case del museo in una dimora che ha usato come laboratorio.

Ci sono migliaia di sculture, schizzi e fotografie in mostra.

Ma se vuoi fare un collegamento ci sono quattro pezzi che non puoi lasciare senza vedere: il pensatore, il bacio, Adamo ed Eva e le porte dell'inferno.

Imparerai anche che Rodin era un astuto collezionista e ha acquistato i tre dipinti di Van Gogh, insieme a pezzi di Renoir e Monet, tutti da vedere al museo.