Le 10 migliori cose migliori da fare a Saintes

Le 10 migliori cose migliori da fare a Saintes

Sulle sponde del Charente mentre si snoda verso l'Atlantico, la città di Saintes era una volta la capitale romana dell'Aquitana. L'antico Mediolanum di Santonum le rovine, come l'anfiteatro, gli archi, i bagni e gli innumerevoli frammenti di scultura e pietra, sono tutte messe al tempo ma soul-sterzo.

Andare avanti nel tempo e Saintes ha dominato la storica provincia di Saintogne e è stato fornito con la romanica Abbaye Aux Dames e la chiesa di pellegrinaggio di Saint-Eutrope. Questi monumenti sono resi ancora più solenni e atmosferici dai ceppi di musica medievale e rinascimentale al Festival de Saintes ogni luglio. C'è anche il facile piacere della Charente e dei suoi parchi a fiume, o il delizioso gusto del cognac distillato vicino.

Esploriamo le cose migliori da fare a Saintes:

Anfiteatro Gallo-Romain

Il migliore di ciò che resta dell'antico Mediolanum Santonum, l'anfiteatro romano di Saintes risale al dominio dell'imperatore Claudio in 40ad. Ai suoi tempi avrebbero potuto sedere fino a 15.000 spettatori, che si sarebbero stipulati per guardare combattimenti e battaglie con bestie selvagge.

Il livello più basso dei posti a sedere è ancora intatto, così come alcuni archi, e puoi facilmente distinguere il tessuto delle terrazze di pietra e dei passaggi che si fa strada su per le colline.

Il pavimento dell'arena è la parte meglio conservata del sito, misura 66.5 metri lunghi per 39 metri di larghezza ed è ancora utilizzato in estate per concerti e festival.

Abbaye Aux Dames

Fondata dal conteggio di Anjou nell'XI secolo e con molte tracce della sua architettura originale, l'Abbazia Aux Dames era un convento benedettino per donne di famiglie nobili.

Eleanor of Aquitaine ha donato all'Abbazia, mentre Agnes of Borgogna si ritirò qui dopo la morte del conteggio di Anjou.

La chiesa dell'Abbazia è la porzione più antica, con architettura romanica dell'11 ° e XII secolo, con un campanello emblematico di "cono di pino".

Devi vedere le sculture nel timpano sopra il portale occidentale, con animali scolpiti in un modo molto distintivo che si ripete intorno alla regione di Saintogne nelle chiese di Colombiers, Aulnay e Marignac.

Arco di Germanico

Più vecchio dell'anfiteatro, questo splendido arco è dal regno di Tiberio, intorno all'anno 18. Nonostante l'apparizione, in realtà non è un arco trionfale costruito per commemorare una battaglia, ma è stato invece finanziato da un ricco cittadino locale in onore dell'imperatore Tiberio, suo figlio Drusus e suo nipote e hanno adottato il figlio Germanicus.

Queste informazioni sono state dedotte dalle iscrizioni molto deboli nella pietra.

Il monumento una volta segnò la fine della strada romana da Lione attraverso il paese a Saintes, sebbene il punto reale sia a 15 metri di distanza mentre l'arco veniva spostato di 15 metri quando la banchina fu posta nel XIX secolo.

Cattedrale di Saintes

Puoi imparare molto su Saintes solo meditando sulla sua cattedrale per un po '.

Ciò che ti colpirà subito è l'aspetto tozzo del suo campanile.

Questo è ricoperto da una cupola di rame invece di una guglia, poiché l'originale è stato danneggiato nelle guerre di religione francese nel XVI secolo.

Sulla scia del conflitto non c'erano abbastanza fondi per ripristinare la guglia, così da quando la torre è stata di 58 metri anziché 96. L'interno era anche saccheggiato in quel momento, quindi ciò che ti saluta ora è un melange di architettura romanica, gotica e rinascimentale con linee sobrie, ma molti dettagli entusiasmanti come il portale occidentale, scolpiti con figure dell'Antico Testamento, angeli e apostoli.

Musée Archéologique

Quando Saintes iniziò a scavare i suoi siti romani nel XIX secolo, scoprì un sorprendente tesoro di pietre scolpite.

Questi furono infine trasferiti nell'ex macello della città, sulla riva destra della Charente a pochi passi dall'arco di Germanico.

Sotto gli ordini del curatore dei musei di Saintes, la nuova sede è stata riprogettata per sembrare una casa romana con archi e traliccio.

All'interno sono sculture di tutte le descrizioni; Funerario, ornamentale e religioso, insieme a rilievi, frammenti di colonne ed estratti di mosaico.

Ma l'apice è la statua senza testa scolpita da Carrara Marble e si ritiene di rappresentare Drusus Caesar, figlio di Germanico.

Basilique Saint-Eutrope

Una fermata chiave sulla via di San Giacomo Pilgrinaggio, questa chiesa dell'XI secolo è composta da una chiesa inferiore e superiore.

La chiesa inferiore è quella che deve essere all'ordine del giorno: è una meraviglia romanica che ospita il cenotafio di Sant'Eutrope, al centro di un coro con le capitali più sapientemente scolpite.

Questo è stato messo sotto la chiesa superiore principale in modo che le normali attività della chiesa potessero continuare sopra mentre i pellegrini potevano entrare sotto e pregare nella tomba di Saint Eutrope prima di andare avanti.

Prenditi un minuto per lasciare che i tuoi occhi si adattino alla luce e questo incredibile spazio sotterraneo rivelerà i suoi segreti.

Jardin Public

Giù dall'arco di Germanico sulla riva destra del Charente, il pubblico di Jardin è tre ettari di parterre e giardini inglesi, intrecciati con una rete di percorsi.

Per i bambini c'è un parco giochi e un piccolo serraglio con capre e anatre.

E forse il posto più bello per un giro vagabonda è il vicolo accanto al charente dove puoi vedere il traffico del fiume, barche ormeggiate sui pontoni in legno e possono guardare attraverso la cattedrale.

C'è anche una deliziosa vecchia arancia nel parco che è stata convertita in un "Salon de Thé".

Logis du Gouverneur Belvedere

Questa patch di terra su una falesia sopra il centro storico è attualmente in fase di ristrutturazione, ma vale ancora la pena andare in giro per guardarsi intorno.

Per prima cosa hai la Logis de Gouverneur, una bella dimora del 17 ° secolo che è l'ultima vestigia della cittadella del 17 ° secolo di Saintes.

Ma forse anche meglio sono i panorami che puoi ammirare in città dalla passerella della scogliera.

Ciò che ti colpirà della vista è il mare dei tetti delle piastrelle in terracotta, che ti ricordano che stai entrando nel sud della Francia a Saintes.

Charente Cruises

Nel re Francis del XVI secolo ho dichiarato il Charente il fiume più bello del Regno, e a Saintes ci sono molte opportunità di scoprire se aveva ragione.

Per coloro che vogliono sedersi e guardare le sponde verdi andare alla deriva ci sono navi come Bernard Palissy II e La Gabare, ormeggiati sul molo di Saintes e offrono crociere su questo ampio e tortuoso.

C'è un commento in esecuzione dei villaggi di pietra e della campagna che attraverserai e i pacchetti di informazioni sono forniti per altoparlanti non frenetici.

Potresti anche assumere una tua barca per un paio di giorni e la maggior parte delle compagnie locali hanno un mestiere che non richiede una licenza per barche.

Haras National

Avvolti in dieci ettari di cedro e parco aereo sul lato est della città sono i maestosi edifici neoclassici di National Stud (Haras). Questa istituzione è stata fondata da Louis XIV e una filiale ha sede a Saintes dalla metà del XIX secolo.

Il suo compito è selezionare, preservare e migliorare le razze equine, dai cavalli da corsa all'asino di Poitou, che è famoso dal suo cappotto shaggy.

C'è un museo nella sala, con un'esibizione di carrozze trainate da cavalli e intuizioni sui tradizionali scambi di The Farrier (Specialista dello zoccolo), sposo e sellaio.

Thermes de Saint-Saloine

I bagni romani di Saintes sono anche dall'alba del 1 ° secolo e sarebbero stati abbandonati intorno alla tarda antichità quando l'edificio fu adattato in una chiesa cristiana precoce.

Ecco come le rovine sono venute con il loro nome.

Non c'è molto rimanente dei bagni, ma puoi facilmente individuare le nicchie del Caldarium.

L'acqua per i bagni è stata incanalata dai Charentes tramite un acquedotto e l'ufficio turistico di Saintes indicherà dove puoi trovare frammenti intriganti di questa struttura a nord della città.

Musée de l'échevinage

Fino alla rivoluzione, l'échevin o l'alderman detenevano molto potere nelle città francesi, e la sua casa nel mezzo della città vecchia risale al XV secolo nei decenni successivi alla guerra dei 100 anni.

All'edificio fu dato un restyling nel 18 ° secolo e all'esterno dell'elemento più antico rimasto si trova il campanile rinascimentale, che fu terminato nel 1587. Entra a vedere Solo il Museo delle belle arti, che ha riunito la sua collezione nel XIX secolo, attingendo principalmente alle opere delle scuole di Saintonge e Bordeaux, sebbene ci sia un pezzo del Great Gustave Courbet.

Nelle gallerie di arti decorative c'è una delicata set di porcellana di pasta dura da Sèvres.

Festival de Saintes

A metà luglio ci sono dieci giorni di musica classica, con 30 concerti organizzati in città.

Il festival andrà dal 1972 quando l'Abbaye Aux Dames è stato selezionato come il luogo perfetto per le esibizioni di "Early Music", che è musica medievale e rinascimentale fino al 1600s.

La musica iniziale è ancora centrale per il festival, ma l'ambito è stato ampliato per includere opere di compositori barocchi come Bach e Purcell, interpretati da alcune delle luci leader di musica classica francese.

E i luoghi, tra cui la Cattedrale, inferiore alla Chiesa della Basilica e Abbazia, portano molte gravitas all'evento.

Cognac

Sebbene si tratti di circa 25 chilometri a est di Cognac la città, Saintes rientra nella regione del cognac.

I vigneti locali hanno la denominazione di bois delle pinne, producendo Eaux de Vie, che viene utilizzata come base per molti cognac miscelati.

Ma se vuoi scendere con i grandi nomi come Martell, G et c Raby e Courvoisier, devi solo andare a ovest per mezz'ora o giù di lì.

Ci sono piccoli musei di accessori cognac, puoi vedere distillerie di lavoro, visitare le cooperazioni e le cantine e scoprire come abbinare il cognac con il cibo.

Ma il Highpoint è la possibilità di assaggiare questa bevanda prestigiosa.

Cibo locale

A Saintes l'Oceano Atlantico è un po 'lontano, ma il pesce e i frutti di mare sono elementi fondamentali della dieta locale grazie al fiume Charente navigabile.

La gastronomia della chantaise si basa su anguille, ostriche, sardine e altre specie di acqua fresca e di mare.

Mouclade Charentaise è un piatto di firma regionale ed è preparato con cozze, scalogno, tuorlo d'uovo e pineau, un vino fortificato di Charente-Maritime.

Le cozze sono anche sostituite con le lumache locali di Saintes, mentre questa regione occidentale della Francia è anche parziale alle gambe di Frog.

Dalla terra, i grigoriti sono uno stufato a partire da parti del maiale, cipolle e vino bianco regionale, mentre Rillettes è un tipo di pâté di maiale che è divino diffuso sul pane croccante.